SOLUZIONEAVVOCATI.IT - FAMIGLIA - INTERDIZIONE, INABILITAZIONE ED AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

L'ordinamento italiano prevede diverse misure a tutela delle persone prive in tutto od in parte di autonomia. Esse sono: l'interdizione, l'inabilitazione e l'amministrazione di sostegno. Tali misure, la cui costituzione, modificazione ed estinzione devono essere sempre comunicate all'ufficiale di stato civile che le annoterà a margine dell'atto di nascita, sono sempre revocabili al venir meno delle condizioni che ne hanno resa opportuna l'adozione.


INTERDIZIONE

L'interdizione è una delle misure di protezione predisposta dall'ordinamento italiano a tutela dei soggetti, maggiorenni o minori emancipati, che si trovano in abituale stato di infermità di mente che li rende incapaci di provvedere ai propri interessi (art. 414 c.c.). In passato tali soggetti dovevano essere interdetti mentre oggi, a seguito della riforma operata dalla legge n. 6 del 9 gennaio 2004, essi sono interdetti solo quando ciò è necessario per assicurare la loro adeguata protezione. Eccezionalmente la legge prevede che il minore non emancipato, nell'ultimo anno della sua minore età, possa essere interdetto; in tal caso l'interdizione avrà comunque efficacia dal compimento della maggiore età(art. 416 c.c.). Possono chiedere l'interdizione solo i seguenti soggetti: l'interdicendo, il coniuge, la persona stabilmente convivente, i parenti entro il quarto grado, gli affini entro il secondo grado, il tutore o curatore ovvero il pubblico ministero. Qualora l'interdicendo sia sotto la potestà o curatela dei genitori l'istanza può essere promossa esclusivamente da essi o dal pubblico ministero. La domanda di interdizione si propone innanzi al tribunale del luogo ove l'interdicendo ha la residenza o il domicilio. Quando si chiede l'interdizione di un minore (emancipato o comunque nell'ultimo anno della sua minore età) la domanda dovrà essere proposta innanzi al Tribunale per i minorenni. Il giudice non può pronunciare l'interdizione se prima non ha proceduto all'audizione dell'interdicendo a seguito della quale, se lo ritenga necessario, può nominare un tutore provvisorio fintanto che si concluda il procedimento di interdizione (art. 419 c.c.). L'interdetto, una volta pronunciata la sentenza di interdizione, è equiparato al minore di età. Il tutore provvederà dunque ad avere cura dell'interdetto, a rappresentarlo in tutti gli atti civili e ad amministrarne il patrimonio. Come regola generale tutti gli atti compiuti dall'interdetto sono annullabili su istanza degli eredi o aventi causa e del tutore, ma la sentenza può prevedere che taluni atti di ordinaria amministrazione possano essere compiuti validamente e personalmente dall'interdetto senza l'intervento ovvero con l'assistenza del tutore (art. 427 c.c.).

Soluzioneavvocati.it, attraverso l'apporto dello Studio Legale Calcopietro-Giampà & Partners, è in grado di seguire ed assistere il cliente in tutti i gradi del giudizio, comprese le magistrature superiori.

Hai bisogno di consulenza o assistenza in materia di interdizione?


INABILITAZIONE

L'inabilitazione è una misura a tutela di soggetti parzialmente incapaci di provvedere ai propri interessi. Possono essere inabilitati: il soggetto maggiorenne che si trovi in stato di infermità di mente non talmente grave da far luogo all'interdizione, coloro che per prodigalità o abuso di sostanze stupefacenti o di alcolici espongano se stessi o la propria famiglia a gravi pregiudizi economici nonché il sordo e il cieco dalla nascita o dalla prima infanzia che non abbiano ricevuto una sufficiente educazione ma siano comunque parzialmente capaci di provvedere ai propri interessi (art. 415 c.c.). Come per l'interdizione, anche l'inabilitazione può essere chiesta per il minore non emancipato che si trovi nell'ultimo anno della minore età ed anche in tal caso gli effetti della pronuncia si avranno dal compimento della maggiore età (art. 416 c.c.). Possono chiedere l'inabilitazione, oltre all'inabilitando, gli stessi soggetti legittimati a chiedere l'interdizione e cioè: il coniuge, la persona stabilmente convivente, i parenti entro il quarto grado, gli affini entro il secondo grado, il tutore o curatore ovvero il pubblico ministero. Qualora l'inabilitando sia sotto la potestà o curatela dei genitori l'istanza può essere promossa esclusivamente da essi o dal pubblico ministero. La domanda di interdizione si propone innanzi al tribunale del luogo ove l'inabilitando ha la residenza o il domicilio. Quando si chiede l'inabilitazione di un minore la domanda dovrà essere proposta innanzi al Tribunale per i minorenni. Qualora venga promosso un giudizio di interdizione, il giudice può d'ufficio pronunciare l'inabilitazione ove ne ritenga sussistenti i presupposti. Il giudice non può pronunciare l'inabilitazione se prima non ha proceduto all'audizione dell'inabilitando a seguito della quale, se lo ritenga necessario, può nominare un curatore provvisorio fintanto che si concluda il procedimento di inabilitazione (art. 419 c.c.). L'inabilitato, una volta pronunciata la sentenza di inabilitazione, è equiparato al minore emancipato e può pertanto compiere validamente tutti gli atti di ordinaria amministrazione. Il curatore assiste l'inabilitato nel compimento di tutti gli atti eccedenti l'ordinaria amministrazione (per i quali serve, in molti casi, anche l'autorizzazione del giudice tutelare). Precvia autorizzazione del giudice tutelare, l'inabilitato può continuare l'esercizio dell'impresa commerciale (art. 425 c.c.) Come regola generale tutti gli atti di straordinaria amministrazione compiuti senza le prescritte formalità sono annullabili su istanza degli eredi o aventi causa e del curatore, ma la sentenza può prevedere che taluni atti di straordinaria amministrazione possano essere compiuti validamente e personalmente dall'inabilitato (art. 427 c.c.).

Soluzioneavvocati.it, attraverso l'apporto dello Studio Legale Calcopietro-Giampà & Partners, è in grado di seguire ed assistere il cliente in tutti i gradi del giudizio, comprese le magistrature superiori.

Hai bisogno di consulenza o assistenza in materia di inabilitazione?


AMMINISTRAZIONE DI SOSTEGNO

L'amministrazione di sostegno è stata recentemente istituita dalla legge n. 6 del 9 gennaio 2004. La funzione primaria di questo istituto è di tutelare quei soggetti che, a causa di una infermità o menomazione fisica o psichica, siano impossibilitati, anche solo parzialmente o temporaneamente, a provvedere ai propri interessi (art. 404 c.c.). La domanda può essere proposta dallo stesso beneficiario, anche se minore (in tal caso il decreto può essere emesso entro l'ultimo anno di minore età ed avrà efficacia a decorrere dal compimento della maggiore età), interdetto o inabilitato (in tal caso la domanda deve contenere contestuale istanza di revoca dell'interdizione o inabilitazione), nonché dal coniuge, dalla persona stabilmente convivente, dai parenti entro il quarto grado, dagli affini entro il secondo grado, dal tutore o curatore ovvero dal pubblico ministero. Devono presentare ricorso per amministrazione di sostegno o comunque informarne il pubblico ministero, i responsabili dei servizi sanitari e sociali direttamente impegnati nella cura e assistenza della persona, qualora siano a conoscenza di fatti tali da rendere opportuna l'apertura del procedimento di amministrazione di sostegno (art. 406 c.c.). Il giudice tutelare deve sentire la persona a beneficio della quale è instaurato il procedimento di amministrazione di sostegno e può, ove lo ritenga necessario, nominare un amministratore di sostegno provvisorio indicando gli atti che è autorizzato a compiere. Rispetto all'interdizione ed all'inabilitazione tale forma di tutela è quella che limita meno di tutte la capacità di agire del soggetto tutelato. Ed infatti gli atti che devono essere compiuti dall'amministratore di sostegno in nome e per conto del beneficiario e quelli che possono essere compiuti dal beneficiario con l'assistenza dell'amministratore di sostegno sono indicati nel decreto di apertura dell'amministrazione di sostegno. Il beneficiario può sempre compiere gli atti necessari a soddisfare le esigenze della propria vita quotidiana nonché tutti gli altri atti non ricompresi nel decreto (art. 409 c.c.). Gli atti compiuti dal beneficiario in violazione delle disposizioni di legge o di quelle contenute nel decreto sono annullabili su istanza del beneficiario, degli eredi o aventi causa, dell'amministratore di sostegno; il pubblico ministero, oltre tali soggetti, può chiedere l'annullamento degli atti compiuti dall'amministratore di sostegno in violazione del decreto e della legge (art. 412 c.c.).

Soluzioneavvocati.it, attraverso l'apporto dello Studio Legale Calcopietro-Giampà & Partners, è in grado di seguire ed assistere il cliente in tutti i gradi del giudizio, comprese le magistrature superiori.

Hai bisogno di consulenza o assistenza legale in un procedimento di amministrazione di sostegno?

 

LASCIA UN COMMENTO

Lascia un commento


Area Riservata

REGISTRATI